AGGIORNAMENTO PROVINI. Iscriviti alla newsletter per essere aggiornato sui provini!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  

  

 

 

Contatti

Tel/Fax  +39 0187 915791


 

Una nuova e interessante proposta è stata presentata alla Figc e alla Fifa dal player’s agent internazionale Alessio Sundas, che è quella di salvarguardare lo stipendio dei calciatori con un nuovo sistema. Anche il Presidente dell’AIC Damiano Tommasi ha parlato della problematica sulla tenuta dei club di serie C e D (https://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/05-04-2020/allarme-tommasi-servono-garanzie-giocatori-serie-c-d-che-guadagnano-poco-3602233471119.shtml?fbclid=IwAR0073bo-YfrGljUCuH7lxQEGGGdiTPgbBZJdmxcPLfx1zq0IxlWKAiSfLU) a seguito di questa grande crisi dovuta all’emergenza epidemiologia del Covid-19. Il player’s agent internazionale Alessio Sundas ha proposto una nuova riforma epocale per risolvere questo importante problema. I club che partecipano al campionato di Serie D sono in tutto circa 162 , circa 18 squadre per ogni girone (9) e i club che militano in Serie C sono 60 (venti per tre gironi). Parliamo quindi di circa 5550 giocatori che sono tesserati in squadre tra la Serie D e la Serie C e ciò comporta un enorme spesa per ogni singolo club. La proposta di Sundas è quella di dare la possibilità alle aziende di diventare proprietari del cartellino dei calciatori. Lo schema da adottare a questa proposta è il seguente: 20% al club dove gioca l’atleta e il rimanente 80% alle società fino ad un max di 4. Questa modalità di divisione delle spese provocherà una immediata diminuzione dei costi per il club (che saranno obbligati a corrispondere solo in 20% dello stipendio) ed allo stesso tempo accrescerà il brand dell’azienda grazie ad una costante visibilità del logo grazie al giocatore. Il calciatore infatti sponsorizzerà i prodotti delle aziende detentrici del cartellino sui propri social: Instagram, Facebook, Twitter e Linkedin compresi i mass media, oltre al fatto che lo sportivo indosserà sempre i loghi delle aziende. Nella compravendita e nel prestito del cartellino, le aziende parteciperanno in quota parte alle operazioni ricevendo sempre un ritorno economico. Allo stesso tempo, il club, sarà obbligato a promuovere la scheda tecnica del calciatore invitando gli osservatori degli altri club a visionare il proprio tesserato a tutte le partite e a determinati allenamenti. Tutto ciò farà si che finalmente, ogni giocatore sarà visionato e avrà la sua opportunità di crescere. Come si usa dire in questi casi, “se un calciatore non viene visto, nessuno sa che esiste”. Grazie a questa proposta di riforma, i club non saranno più caricati di un pesante esborso economico per pagare gli stipendi dei calciatori, e le aziende ne avranno un beneficio in termini di nuova pubblicità. Insomma una proposta rivoluzionaria che sarà senz’altro di grande aiuto, a chi in questo periodo di stop forzato è in difficoltà. Vedremo come la FIFA, FIGC e l’AIC recepiranno questa proposta.

Nei prossimi giorni Alessio Sundas, presidente della UAFA “Union Agent Football Association Deregulation”, proporrà un cambiamento radicale del campionato americano di MLS. La sensazionale proposta è quella che non basteranno i soldi ad iscrivere ai campionati i club, ma ci vorranno delle regole ben precise. Delle nuove regole che riguardano un cambiamento del regolamento, che andrà a introdurre delle direttive sulle retrocessioni e sulle promozioni. Lo scopo di tutto questo è quello di potenziare le squadre e anche i vivai, ed aumentare lo spettacolo in campo per far divertire i tifosi. Ovviamente il discorso riguarderà il prossimo campionato e non potrà essere retroattivo. Quindi non varrà più la regola che chi ha più soldi resta in massima serie pagando ogni volta l’iscrizione, ma chi vince e guadagna più punti in classifica, come normalmente accade in tutti campionati europei.

Un colpo sensazionale, il classico colpo ad effetto!. E’ questo quello che ha messo a segno l’ecclettico player’s agent internazionale Alessio Sundas. Stiamo parlando della fuoriclasse giocatrice Anna Beatriz Tarantino Ronaldinha. L’asso brasiliano è una vera forza della natura: ambidestra, veloce e dotata di un ottimo dribbling. L’Attaccante classe ’98 ha tutte le carte in regola per sfondare in qualsiasi top club. Le sue sono caratteristiche che fanno della campionessa brasiliana un vero pezzo pregiato del prossimo calciomercato estivo. Gli occhi puntati su di lei sono ormai di tutti gli addetti ai lavori, che non vedono l’ora alla riapertura del mercato di fiondarsi addosso. La sua piccola statura di 1,65 d’altezza, per 55 kg di peso, ne fanno una calciatrice abile e veloce nei dribbling. Caratteristiche che la rendono una spina nel fianco di qualsiasi difesa avversaria. Di una cosa ne siamo certi, Ronaldinha sarà la prossima stella del campionato di Serie A femminile, questo ovviamente grazie al manager italiano Alessio Sundas.

Alessio Sundas è il primo italiano nel mondo ad essere riconosciuto come il salvatore dei club di calcio grazie al suo metodo di ricerca sponsor. E’ risaputo che gli sponsor sono fondamentali per le società, importanti per incrementare il loro fatturato, ma soprattutto per aumentare la visibilità degli stessi. Il procuratore italiano si propone in aiuto delle società attraverso il coinvolgimento di diversi partners. E’ ormai noto il suo metodo di ricerca sponsor per diversi club, dove è riuscito a lavorare con tante società in difficoltà, grazie ormai al famoso Vpm, con la valorizzazione di calciatori e strategie di marketing con importanti progetti per il merchandising. Una strategia importante che grazie a tutto questo riesce a portare avanti numerosi lavori da casa.